Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino
 Home   Cerca   Mappa   Contatti   Supporto alla navigazione
Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino  





Luoghi della cultura
 
Tipologia:
Testo da cercare:
 
 

 Salerno - S. Maria de Lama - Gradoni della Lama 2, Salerno

Santa Maria de LamaS. Maria de Lama viene edificata al principio dell'XI secolo sull'area di sedime di un edificio romano, come testimoniano le tracce di opus reticulatum e di opus listatum trovate in essa. Il toponimo di Lama deriva dalla presenza, in antico, di rivoli che, durante le piene, scendevano verso il mare attraversando le platee.

La chiesa nasce come cappella nobiliare longobarda, ma subisce una vasta ristrutturazione già nel Duecento, quando viene creato un doppio livello: l’aula originaria è inglobata nella cripta e l’aula superiore è organizzata secondo una pianta basilicale.                                                                       

 

 

L’edificio più antico aveva una tipologia a pianta quadrata, con un’abside circolare orientata sull’asse Nord-Sud e doveva essere interamente affrescato, come dimostrano i lacerti di pittura oggi ancora visibili. Si conserva, poi, un pregevole ciclo di affreschi di fattura beneventana.Santa Maria de Lama

 

Tra le icone di santi rappresentate, sono ben visibili San Bartolomeo e Sant’Andrea, mentre degli altri restano solo due metà ed una testa.

 

     Sant'Andrea

 

I Santi sono in posizione eretta all’interno di cornici rettangolari bicolori. S. Bartolomeo è ritratto nel momento in cui benedice con la mano destra unendo pollice e mignolo, mentre la sinistra regge un volume dalla copertina riccamente decorata. Il viso è concentrato in una espressione ascetica, incorniciato dalla barba bianca e dalla folta capigliatura. S. Andrea è rappresentato benedicente con la mano destra completamente aperta, mentre la sinistra regge una croce gemmata. Egli è rappresentato più giovane, con una capigliatura scura e riccioluta.

 

In occasione delle trasformazioni apportate all’ambiente ipogeo, viene realizzato in esso un nuovo ciclo pittorico. Sono dipinti S. Lorenzo sul muro di collegamento tra le due absidiole, S. Stefano nell’abside a sud, forse S. Radegonda dietro il pilastro meridionale e la Madonna Regina con due angeli nell’alveo della parete settentrionale. Altri affreschi sono stati strappati e si conservano al Museo Diocesano. Gli affreschi possiedono un gioco di luci ed ombre che conferisce volume ai personaggi rappresentati.

 

Santa Maria de LamaL’aula superiore ha una pianta rettangolare, suddivisa in tre navate da due file di colonne tutte diverse tra loro, poiché elementi di spoglio provenienti da edifici più antichi. Due nicchie e due piccoli ambienti nella zona absidale rappresentano ciò che resta del deambulatorio. Lungo la parte alta della navata centrale si aprono quattro monofore che portano luce all’interno. Le prime colonne alla destra dell’ingresso recano gli affreschi della Maddalena e di Cristo con la Croce, tardo-quattrocenteschi.

 

 



Testo di MP Mirabilia srl

Luogo: Gradoni della Lama 2, Salerno




« Torna ai luoghi della cultura

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE 1
Museo Virtuale Scuola Medica Salernitana
Facebook
Sito Unesco: Costiera Amalfitana
SERVIZI EDUCATIVI SABAP
ART BONUS
Portale dei corsi
DEMOETNOANTROPOLOGIA



   Home |  Cerca |  Mappa |  Contatti |  Supporto alla navigazione  

Valid HTML 4.01 Transitional     

Sviluppo sito sino al 2014 a cura di
dal 2015 Giancarlo Buzzanca - Area sviluppo applicazioni web/informatiche, sicurezza informatica DG-OR

Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino: Palazzo Ruggi d'Aragona, via Tasso ,46 - Avellino: Carcere Borbonico, Via Dalmazia
http://www.ambientesa.beniculturali.it - Contenuti a cura della Redazione del sito - Copyright 2007-2018 Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio SA - AV - Disclaimer - Area riservata