Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino
 Home   Cerca   Mappa   Contatti   Supporto alla navigazione
Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino  





Luoghi della cultura
 
Tipologia:
Testo da cercare:
 
 

 Salerno - La Villa Comunale - Via Roma - 84100 Salerno

Villa Comunale1La Villa Comunale rappresenta non solo il simbolo della ricca borghesia postunitaria, ma anche una cerniera tra il centro storico e il mare. Essa viene realizzata, poco dopo l’Unità, per volere della Amministrazione Municipale, presso il nuovo Teatro cittadino, fondato pochi anni prima. Le opere per la creazione del parco iniziano nel 1874, ma il progetto originale è andato perduto. Esso prevedeva un asse longitudinale parallelo alla linea della spiaggia, realizzato in ghiaia o in terra battuta, che si incrociava con un viale trasversale all’altezza del monumento dedicato a Nicotera. Le aiuole avevano forma tondeggiante e andamento irregolare.

Il maggiore polmone verde cittadino comincia ad essere animati dal pubblico passeggio e da concerti all’aperto già nell’estate del 1875, come raccontano i quotidiani dell’epoca, mentre il suo restauro è stato realizzato oltre un secolo più tardi, a partire dal 1997.
Le specie arboree presenti prima dell’intervento andavano da essenze autoctone a varietà esotiche, a specie rare. Risalgono alla fine dell’Ottocento alcuni pini d’Aleppo Pinus halepensis, alcuni lecci Quercus ilex e due esemplari molto rari: una palma delle canarie Phoenix canariensis e una palma da datteri Phoenix dactylifera. Risalgono, invece, agli anni cinquanta del Novecento molti lecci disposti in filari, altre palme delle Canarie, pini d’Aleppo e domestici Pinus pinea, cedri himalayani Cedrus deodara.

La Villa Comunale ospita l’antica fontana detta di Don Tullio, ovvero di Esculapio, risalente al 1790. Originariamente disposta in prossimità del lungomare, presso la porta occidentale della città, venne spostata all’inizio dell’Ottocento verso la città, in asse con la chiesa dell’Annunziata, lungo un ampio viale alberato che poi è divenuto un asse della Villa. La sua posizione attuale risulta traslata di poche decine di metri rispetto a quella ottocentesca.Villa Comunale2

Il progetto di restauro della Villa Comunale ha voluto ricostituire, per quanto possibile, l’organizzazione originaria delle aiuole, e ha contemporaneamente eliminato gli interventi incongrui succeditisi nel corso del XX secolo. Sono state ampliate le superfici vegetali e resi organici i percorsi pedonali, suddivisi gerarchicamente dalla diversa larghezza.
Sulla vegetazione si è intervenuti con necessarie opere di abbattimento di esemplari malati, pericolanti o incongrui, potature destinate al recupero delle proporzioni integrazione con nuove specie arboree, tenendo ben presente il clima cittadino.

Testo di MP Mirabilia srl






« Torna ai luoghi della cultura

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE 1
Museo Virtuale Scuola Medica Salernitana
Facebook
Sito Unesco: Costiera Amalfitana
SERVIZI EDUCATIVI SABAP
ART BONUS
Portale dei Corsi



   Home |  Cerca |  Mappa |  Contatti |  Supporto alla navigazione  

Valid HTML 4.01 Transitional     

Sviluppo sito sino al 2014 a cura di
dal 2015 Giancarlo Buzzanca - Area sviluppo applicazioni web/informatiche, sicurezza informatica DG-OR

Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino: Palazzo Ruggi d'Aragona, via Tasso ,46 - Avellino: Carcere Borbonico, Via Dalmazia
http://www.ambientesa.beniculturali.it - Contenuti a cura della Redazione del sito - Copyright 2007-2018 Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio SA - AV - Disclaimer - Area riservata