Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino
 Home   Cerca   Mappa   Contatti   Supporto alla navigazione
Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino  





Luoghi della cultura
 
Tipologia:
Testo da cercare:
 
 

 Salerno - Castello Medievale - via FrÓ Generoso - 84125 Salerno

Castello ArechiI ruderi del Castello medievale di Salerno dominano la città da un’altezza di oltre 300 metri sul livello del mare.
Acquisito dall’Amministrazione Provinciale nel 1960, è stato restaurato per un ventennio ed in esso è stata recuperata una notevole quantità di reperti.
Nella costruzione della struttura fortificata si possono individuare vari periodi, a partire da quello più antico - VI secolo d.C., cui si ascrive un nucleo a pianta quadrangolare, in blocchi di calcare disposti in filari regolari, realizzato da maestranze bizantine con tecniche costruttive di memoria romana. Esso si sviluppava originariamente su cinque o sei livelli e gli ambienti erano sostenuti da un sistema di archi e pilastri.

Il potenziamento della cinta muraria cittadina verificatosi durante il regno del principe longobardo Arechi II,  VIII secolo, riguarda il castello solo marginalmente, per concentrarsi sulla difesa degli attacchi da mare.
In età normanna viene realizzato un ampliamento verso sud, compreso un loggiato i cui piloni sono stati parzialmente conservati dalle strutture che li hanno inglobati nel Cinquecento. Risale all’età normanna anche la cosiddetta Torre Bastiglia, una struttura di avvistamento posta in posizione elevata a nord del castello, acquisita solo di recente 1990 dall’Ente pubblico.castello arechi veduta aerea

In età sveva non vengono realizzate nuove strutture difensive, bensì consolidate le esistenti. Successivamente, nel XIII secolo, Carlo riscontra la necessità di operare nuovi interventi atti a rendere più sicuro il castello.
L’ampliamento di età moderna riguarda l’ala sud-est dell’edificio, quella che va dal cortile fino all’avamposto ad est. Le opere consistono essenzialmente nella costruzione di una serie di cannoniere, destinate a difendere l’area portuale.

Tra le ceramiche medievali rinvenute durante i restauri, quelle a bande rosse  400 frammenti, caratterizzate da disegni geometrici realizzati con ossidi ferrosi VI-XIII secolo; quelle spiral-ware, coppe decorate con spirali in verde e bruno 100 reperti, XII-XIII secolo; le protomaioliche XIII secolo e le ceramiche graffite.
Sono state trovate anche antiche monete nascoste in tre diversi ripostigli: 34 denari normanni, provenienti dalla zecca di Rouen fine XI secolo, 21 tarì in oro dalla zecca di Palermo o di Messina  XII-XIII secolo, 21 carlini d’argento e uno di rame da Macerata, Napoli e Bologna XV secolo.

Testo di MP Mirabilia srl

 

 

 

Castello Medievale
via Frà Generoso
84125 Salerno

mappa castello arechi




« Torna ai luoghi della cultura

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE 1
Museo Virtuale Scuola Medica Salernitana
Facebook
Sito Unesco: Costiera Amalfitana
SERVIZI EDUCATIVI SABAP
ART BONUS
Portale dei corsi
DEMOETNOANTROPOLOGIA



   Home |  Cerca |  Mappa |  Contatti |  Supporto alla navigazione  

Valid HTML 4.01 Transitional     

Sviluppo sito sino al 2014 a cura di
dal 2015 Giancarlo Buzzanca - Area sviluppo applicazioni web/informatiche, sicurezza informatica DG-OR

Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino: Palazzo Ruggi d'Aragona, via Tasso ,46 - Avellino: Carcere Borbonico, Via Dalmazia
http://www.ambientesa.beniculturali.it - Contenuti a cura della Redazione del sito - Copyright 2007-2018 Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio SA - AV - Disclaimer - Area riservata