Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino
 Home   Cerca   Mappa   Contatti   Supporto alla navigazione
Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino  





Luoghi della cultura
 
Tipologia:
Testo da cercare:
 
 

 Salerno - Il Palazzo di Cittą - via Roma - 84100 Salerno

Il Palazzo di Città fu parte di un vasto programma di opere pubbliche avviato dall’Amministrazione Comunale negli anni ’30 dello scorso secolo. Il programma comprendeva, tra gli altri, anche la realizzazione del Palazzo di Giustizia e del Palazzo delle Poste.
Il fabbricato, in cemento armato, occupa un’area di circa 5000 mq. e si articola in quattro livelli fuori terra. È caratterizzato, al pianterreno, da un porticato e, all’interno, da una corte centrale che ospita lo scalone a due rampe. Realizzato in età fascista, come denota lo stile classicista e monumentale dell’impaginato di facciata, viene inaugurato il 12 aprile del 1936. Il progetto è firmato dal professor Camillo Guerra, all’epoca ingegnere capo comunale.

La facciata ospitava alcuni gruppi bronzei realizzati nel 1937 da Gaetano Chiaromonte, e oggi conservati nell’ambulacro presso il Salone dei Marmi. I soggetti rappresentati sono: Roberto il Guiscardo, L’entrata a Salerno di Gregorio VII e Roberto il Guiscardo, La fertilità della Terra. Il Salone di Ricevimento che oggi ospita il Consiglio Comunale, vide svolgersi nel 1944 la prima riunione del Consiglio dei Ministri e del Governo di Unità Nazionale. Questa sala è detta Salone dei Marmi poiché è rivestita di marmi policromi, con mosaici in oro, rosso e blu, i colori della municipalità salernitana. La fascia superiore - decorata dal pittore Pasquale Avallone tra il 1936 e il ’46 - copre una superficie di oltre 120 metri quadrati e racconta la storia della città dalla sua fondazione fino all’età moderna con una serie di episodi salienti. Nel fregio è rappresentata la colonia romana, l’età longobarda e quella normanna, la dominazione Angioina, cui seguono quella Sveva e quella dei Borbone; infine, dopo il Regno d’Italia, la I guerra mondiale. Accanto al Salone era la Sala delle Commissioni, oggi Sala della Giunta, e poco distante la Sala del Gonfalone, in cui sono esposte quattro tele ellittiche dello stesso Avallone: L’Agricoltura, L’Industria, il Risparmio e Il Commercio Marittimo.

Gli uffici comunali vennero realizzati in una parte del piano ammezzato, nel primo e nel secondo piano. Il pianterreno, invece, ospita per metà della sua superficie il Cinema Teatro Augusteo, una sala con 700 posti coperta da una volta a lacunari in cemento armato.

Testo di MP Mirabilia srl

Palazzo di città
via Roma
84100 Salerno




« Torna ai luoghi della cultura

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE 1
Museo Virtuale Scuola Medica Salernitana
Facebook
Sito Unesco: Costiera Amalfitana
SERVIZI EDUCATIVI SABAP
ART BONUS
Portale dei Corsi



   Home |  Cerca |  Mappa |  Contatti |  Supporto alla navigazione  

Valid HTML 4.01 Transitional     

Sviluppo sito sino al 2014 a cura di
dal 2015 Giancarlo Buzzanca - Area sviluppo applicazioni web/informatiche, sicurezza informatica DG-OR

Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino: Palazzo Ruggi d'Aragona, via Tasso ,46 - Avellino: Carcere Borbonico, Via Dalmazia
http://www.ambientesa.beniculturali.it - Contenuti a cura della Redazione del sito - Copyright 2007-2018 Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio SA - AV - Disclaimer - Area riservata