Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino
 Home   Cerca   Mappa   Contatti   Supporto alla navigazione
Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino  





Luoghi della cultura
 
Tipologia:
Provincia:
Testo da cercare:
 
 

 Salerno - Il giardino della Minerva - via Ferrante Sanseverino, 1 - 84121 Salerno

Giardino della MinervaPoche e frammentarie sono le notizie che ci giungono sull’organizzazione dei giardini della città di Salerno nel Medioevo: una serie d’orti terrazzati e cinti furono ubicati ad occidente, lungo l’asse delle fortificazioni e del torrente Fusandola, e si giovarono della cospicua disponibilità d’acqua delle sorgenti ubicate alle falde del colle Bonadies. I giardini dell’area del Fusandola erano, nella maggior parte dei casi, degli appezzamenti di terra protetti da esili muri che svolgevano la doppia funzione di proteggere le produzioni e di migliorare le condizioni microclimatiche interne.

Essenziale, per il funzionamento del sistema, la disponibilità d’acqua per uso irriguo. Tutti gli orti del Fusandola erano, infatti, serviti da acquedotti, di cui uno, costruito nel 1238 per conto del convento femminile di Santo Spirito, prelevava acqua da una fonte posta in un luogo denominato Acquarola. Esempio rilevante di quest’organizzazione è il giardino della Minerva. Ciò che oggi appare evidente in questo sito è un’interessante serie d’elementi architettonici di tipo sei-settecentesco. Tra questi è da segnalare la lunga scalea che collega i diversi livelli del giardino. Essa è formata da pilastri a pianta quadrata, con decorazioni in stucco e sorregge una pergola in pali di castagno sulla quale sono adagiate delle viti. La scalea fu edificata sulle mura medievali e permette un’ampia visione panoramica del golfo di Salerno. Su ogni terrazzamento vi è una vasca o una fontana, fino ad arrivare, scendendo, ad un’ampia peschiera con zampilli e colonne sull’ultimo e più vasto appezzamento.

Proprietaria di questi terreni fu, nel XII secolo, la famiglia Silvatico, di cui un membro, Matteo, tra il tredicesimo e il quattordicesimo secolo si distinse come insigne medico della Scuola salernitana e profondo conoscitore di piante per la produzione di medicamenti. Suo è l’Opus Pandectarum Medicinae, un lessico sui semplici per lo più d’origine vegetale. Il manoscritto fu completato nel 1317 e dedicato al re di Napoli Roberto d’Angiò. Al cap. 196 di questo libro, descrivendo la Colocasia, così Egli riferisce: ...Et ego ipsam (culcasiam) habeo Salerni in viridario meo, secus spectabilem fontem ….

Matteo Silvatico realizzò, infatti, un giardino, su incarico del re Roberto, nei terreni di proprietà familiare. Qui, con molta probabilità Egli acclimatava e sperimentava nuove specie vegetali, qui erano condotti gli allievi per il riconoscimento delle piante. Questi presupposti confermano, dunque, che il giardino di Matteo Silvatico è stato il primo esempio di Orto botanico d’Europa per lo studio e la coltivazione dei semplici vegetali a scopo terapeutico.

Testo di MP Mirabilia srl

 

Orari:
Apertura: tutti i giorni dalle 10.00 alle 13.00
Visite : venerdì e sabato su prenotazione Irma Pastore cell. 338 9249773

Chiusura:
Lunedi

http://www.giardinodellaminerva.it/

Giardino della Minerva
via Ferrante Sanseverino, 1
84121 Salerno

Indirizzo Giardino della Minerva 




« Torna ai luoghi della cultura

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE 1
Museo Virtuale Scuola Medica Salernitana
Facebook
Sito Unesco: Costiera Amalfitana
SERVIZI EDUCATIVI SABAP
ART BONUS
Portale dei Corsi



   Home |  Cerca |  Mappa |  Contatti |  Supporto alla navigazione  

Valid HTML 4.01 Transitional     

Sviluppo sito sino al 2014 a cura di
dal 2015 Giancarlo Buzzanca - Area sviluppo applicazioni web/informatiche, sicurezza informatica DG-OR

Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino: Palazzo Ruggi d'Aragona, via Tasso ,46 - Avellino: Carcere Borbonico, Via Dalmazia
http://www.ambientesa.beniculturali.it - Contenuti a cura della Redazione del sito - Copyright 2007-2018 Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio SA - AV - Disclaimer - Area riservata