Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino
 Home   Cerca   Mappa   Contatti   Supporto alla navigazione
Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino  




ROCCAGLORIOSA (SA) Una monumentale dimora lucana: il complesso A di Roccagloriosa. #laculturanonsiferma


Roccagloriosa complesso A foto 1

 

 

Il territorio di Roccagloriosa è stato oggetto di frequentazione da parte dell’uomo sin dalle epoche più remote e ha vissuto uno sviluppo significativo in epoca lucana, a partire dal IV secolo a.C., quando, lungo le pendici del monte Capitenali, sul cosiddetto Pianoro Centrale, venne impiantato un abitato, protetto da una cinta muraria lunga oltre un chilometro, all’esterno della quale si estendeva lo spazio della necropoli.

Tra le abitazioni messe in luce nel corso degli scavi archeologici una in particolare, nota come complesso A, si distingue per dimensioni e per l’utilizzo degli spazi interni. Il complesso A (foto 1), esteso per una superficie di oltre 500 metri quadrati, era organizzato intorno a una corte centrale pavimentata con basoli e circondata da portici su almeno tre lati (foto 2-3). In uno degli angoli del cortile è stato rinvenuto un tempietto in pietra con tetto di tegole e un piccolo altare antistante. Qui, sotto il crollo del tetto (foto 4), sono state rinvenute diverse statuette in terracotta di divinità femminile insieme a numerosi altri ex voto, soprattutto vasi di piccole dimensioni, e ai resti di sacrifici animali. La dea raffigurata presenta caratteristiche differenti: è seduta in trono e indossa una lunga veste, ha il capo velato o reca in testa un copricapo detto pòlos, con le mani regge un cesto di frutta, o un piatto oppure altri attributi collegati alla fertilità (foto 5).

Statuette di questo tipo sono note da Paestum, dove la divinità raffigurata è stata identificata con Hera, sposa di Zeus e regina di tutti gli dei. A Roccagloriosa invece la dea potrebbe essere Mefitis caprina, la dea venerata dai Lucani come protettrice del raccolto e delle greggi, cui erano dedicati importanti santuari noti nel territorio lucano.

Il complesso A di Roccagloriosa era sicuramente una dimora monumentale appartenente a un esponente delle aristocrazie locali, che rivestivano un ruolo di primo piano anche nello svolgimento delle cerimonie religiose.

Foto soggette a copyright / Soprintendenza ABAP di Salerno e Avellino

 

roccagloriosa cortilecentrale del complesso A foto 2

 

roccagloriosa ricostruzione del complesso A foto 3

 

roccagloriosa ex voto del complesso A foto 4

 

 

Roccagloriosa statuette femminili del complesso A foto 5



« Torna a tutte le notizie

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE 1
Scuola Medica Salernitana
Facebook
Sito Unesco: Costiera Amalfitana
SERVIZI EDUCATIVI SABAP
ART BONUS
Portale dei corsi
DEMOETNOANTROPOLOGIA



   Home |  Cerca |  Mappa |  Contatti |  Supporto alla navigazione  

Valid HTML 4.01 Transitional     

Sviluppo sito sino al 2014 a cura di
dal 2015 Giancarlo Buzzanca - Area sviluppo applicazioni web/informatiche, sicurezza informatica DG-OR

Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino: Palazzo Ruggi d'Aragona, via Tasso ,46 - Avellino: Carcere Borbonico, Via Dalmazia
http://www.ambientesa.beniculturali.it - Contenuti a cura della Redazione del sito - Copyright 2007-2019 Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio SA - AV - Disclaimer - Area riservata