Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino
 Home   Cerca   Mappa   Contatti   Supporto alla navigazione
Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino  




BUCCINO (SA) Dallo scavo al museo: il mosaico ellenistico di Buccino #iorestoacasa #laculturanonsiferma


mosaico di Buccino                                                                      foto 1

Buccino sorge su un’alta collina, in una posizione strategica di controllo su assi viari naturali che fin dalla preistoria mettevano in collegamento territori e culture differenti. Il suo centro storico, stretto nella cerchia delle mura della fine del IV secolo a.C., conserva ancora oggi l’impianto urbanistico della città romana di Volcei.

Nell’odierna località Santo Stefano, in un’area esterna al circuito murario in cui è stata individuata  un’importante necropoli, il cui utilizzo è databile per un lungo arco temporale, tra la seconda metà e l’ultimo venticinquennio del IV secolo a.C. si insedia un complesso architettonico organizzato su tre terrazze e articolato in edifici, aree porticate, muri di terrazzamento e recinti, sia funerari che di culto Foto 1. La terrazza superiore risulta occupata da un ampio complesso costituito da un porticato ad U, delimitato sul lato ovest da due ambienti a pianta quadrata. Uno di questi ambienti, identificabile come sala da banchetto grazie alla pavimentazione conservatasi quasi integralmente, presenta le pareti interne intonacate con uno zoccolo di colore rosso e la parte superiore in bianco. Paraste e semiparaste angolari scanalate, con capitelli ionici, creano un effetto scenografico di profondità su ogni parete.
Il pavimento conserva una decorazione in tecnica mista in cui sono presenti quattro delfini in lavapesta agli angoli e un emblema centrale con stella a sei punte in tessere bianche racchiusi all’interno di fasce a meandro, di cocciopesto e a onde correnti Foto 2-3.  

 

mosaico di Buccino 2                                                                                   foto 2

 

mosaico di Buccino 3

foto 3


Mentre sono pochi i dati cronologici relativi alla realizzazione della sala banchetto, probabilmente l’ultimo venticinquennio del IV sec. a.C., la distruzione e il crollo dell’intero complesso architettonico si possono stabilire con certezza entro il terzo quarto del III sec. a. C.
Poiché al momento della scoperta le condizioni del mosaico risultarono da subito precarie, si decise di procedere allo stacco per il trasferimento del pavimento al Museo Archeologico Nazionale di Volcei a Buccino.

Nello spazio espositivo dedicato è stata ricostruita la sala da banchetto: sulla base dei dati desunti dallo scavo è stata riprodotta la decorazione pittorica e architettonica delle pareti,  il pavimento è stato integrato nelle parti mancanti con riproduzioni in vetroresina e l’arredo della sala è stato completato con klinai, i letti conviviali su cui in antico si partecipava ai banchetti, ispirate a quelle dipinte nella Tomba del Tuffatore di Paestum. Da questa stessa tomba sono tratte anche le immagini dei banchettanti utilizzate per la realtà virtuale che anima la sala, mentre da una tomba scavata a pochi metri dalla sala stessa vengono i vasi da banchetto a figure rosse Foto 4.

mosaico di Buccino 4

                                                                 foto 4




« Torna a tutte le notizie

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE 1
Scuola Medica Salernitana
Facebook
Sito Unesco: Costiera Amalfitana
SERVIZI EDUCATIVI SABAP
ART BONUS
Portale dei corsi
DEMOETNOANTROPOLOGIA



   Home |  Cerca |  Mappa |  Contatti |  Supporto alla navigazione  

Valid HTML 4.01 Transitional     

Sviluppo sito sino al 2014 a cura di
dal 2015 Giancarlo Buzzanca - Area sviluppo applicazioni web/informatiche, sicurezza informatica DG-OR

Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino: Palazzo Ruggi d'Aragona, via Tasso ,46 - Avellino: Carcere Borbonico, Via Dalmazia
http://www.ambientesa.beniculturali.it - Contenuti a cura della Redazione del sito - Copyright 2007-2019 Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio SA - AV - Disclaimer - Area riservata