Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino
 Home   Cerca   Mappa   Contatti   Supporto alla navigazione
Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino  




MOIO DELLA CIVITELLA (SA) Abitato fortificato IV sec. a.C. #AmbienteMW


moio della civitella

L’abitato fortificato della Civitella, attualmente protetto da un fitto e rigoglioso castagneto, sorge sulla collina omonima, da cui si domina con lo sguardo tutta la vallata sottostante fino alla costa tirrenica: ad occidente, il tratto costiero della piana dell’Alento, fino all’acropoli di Velia, ad est il passo di Cannalonga; a nord la vallata boscata dei fiumi Trenico e Calore, fino a raggiungere l’orizzonte visivo costituito dalla barriera dei monti Alburni e dagli altopiani del monte Cervati.


La frequentazione del colle è documentata dalla fine del VI sec. a.C. esclusivamente da frammenti ceramici, ma è solo a partire dalla metà circa del IV sec. a.C. che inizia la costruzione di una possente cinta fortificata, con doppio circuito murario intervallato da porte d’accesso. La scoperta del sito si deve a M. Napoli, che nell’estate del 1960, su segnalazione degli abitanti del luogo, ritrovò i resti della fortificazione.


Sul pianoro centrale del colle gli scavi hanno evidenziato una serie di edifici disposti su un impianto stradale ortogonale ed un ampio spazio basolato, che svolgeva forse funzioni pubbliche, fornito di un perfetto sistema di canalizzazione idrica.
Il sito fortificato, abbandonato alla fine del III sec.a.C., viene interpretato come avamposto difensivo phrourion costruito dagli abitanti di Elea/Velia per controllare l’entroterra.


Sulla sommità della Civitella vi è una chiesetta dedicata alla Madonna dell’Annunziata costruita nel Tardo-Medioevo. Suggestiva è la processione del 25 marzo di ogni anno, quando i fedeli durante l’ascesa al santuario recidono dei virgulti di castagno e realizzano delle croci di varie dimensioni che vengono benedette dal sacerdote durante la celebrazione religiosa. Queste croci, quindi, vengono donate a parenti o amici impossibilitati a salire sul santuario.

Maria Tommasa Granese



#Togetherness #MuseumWeek #MuseumMomentsMW #ComuneMoiodellaCivitella



« Torna a tutte le notizie

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE 1
Scuola Medica Salernitana
Facebook
Sito Unesco: Costiera Amalfitana
SERVIZI EDUCATIVI SABAP
ART BONUS
Portale dei corsi
DEMOETNOANTROPOLOGIA



   Home |  Cerca |  Mappa |  Contatti |  Supporto alla navigazione  

Valid HTML 4.01 Transitional     

Sviluppo sito sino al 2014 a cura di
dal 2015 Giancarlo Buzzanca - Area sviluppo applicazioni web/informatiche, sicurezza informatica DG-OR

Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino: Palazzo Ruggi d'Aragona, via Tasso ,46 - Avellino: Carcere Borbonico, Via Dalmazia
http://www.ambientesa.beniculturali.it - Contenuti a cura della Redazione del sito - Copyright 2007-2019 Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio SA - AV - Disclaimer - Area riservata