Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino
 Home   Cerca   Mappa   Contatti   Supporto alla navigazione
Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino  





Tutte le notizie
006 maggio 2020 - Proroga bando per l'assegnazione di due borse di studio per la ricerca sulla cultura fotografica contemporanea ultime
Il bando è promosso dalla Direzione Generale Creatività  Contemporanea e dalla Società  Italiana per lo Studio della Fotografia​ Prorogata al 30 giugno 2020 la scadenza per iscriversi alla terza edizione del bando per l'assegnazione di due Borse di studio per la ricerca sulla cultura fotografica contemporanea promosso dalla Direzione Generale Creatività  Contemporanea del Ministero per i Beni e le Attività  Culturali e per il Turismo,&nb
[continua a leggere]

006 maggio 2020 - Il biconico con scodellone dalla tomba M28 di Sala Consilina #laculturanonsiferma ultime
  Questi vasi provengono da una tomba rinvenuta in località San Rocco, in cui si trovava una delle necropoli di Sala Consilina. Il biconico, realizzato in argilla fine e dipinto con decorazione cosiddetta a tenda, è un’urna funeraria utilizzata per conservare le ceneri del defunto dopo la cremazione, chiuso da una grossa scodella in impasto, un tipo di ceramica meno depurata. La sepoltura, databile ai primi decenni dell’VIII secolo a.C., ha restituito altro materiale, che però non permette di defi
[continua a leggere]

006 maggio 2020 - Marino I Caracciolo #iorestoacasa #laculturanonsiferma ultime
    La dominazione dei Caracciolo ad Atripalda cominciò nel 1564 quando Domizio  permutò il feudo posseduto da Giacomo Pallavicino Basadonna, finanziere genovese che nel 1559 l’aveva acquistato per 60.200 ducati da Alfonso Castriota, con dei territori posseduti dalla sua casata nel Ducato di Milano. Alla sua morte, nel dicembre del 1576, gli successe il figlio Marino I quale secondo duca di Atripalda. Marino fin da giovanissimo diede prova nelle armi di grandissimo valore partecipando  nel 1571
[continua a leggere]

006 maggio 2020 - Fontane in città: la fontana di palazzo Ruggi #iorestoacasa #laculturanonsiferma ultime
  La fontana di Palazzo Ruggi, collocata in un contesto architettonico di sapore sanfeliciano, il portale, la scala aperta, pur essendo una delle più composite della città, non è stata mai citata in nessuno dei documenti che trattano della famiglia Ruggi finora rinvenuti. Anche in un inventario di beni dell’eredità del Marchese Matteo Ruggi Seniore, risalente al 1770, recentemente studiato, si parla solo di una fontana con vasca alimentata da acqua perenne presente nel cortile della zona occidenta
[continua a leggere]

005 maggio 2020 - "Fontane in città" #iorestoacasa #laculturanonsiferma ultime
  Questo progetto vuole riproporre studi che la Soprintendenza SABAP per le Province di Salerno ed Avellino ha effettuato sul territorio di propria competenza, traendone interessanti ed essenziali pubblicazioni che sono state un punto di riferimento e di partenza per quelle visite guidate in luoghi del nostro Centro storico, che ora ci appaiono scontate ma che sono state rese possibili proprio a partire dagli studi, preliminari ai restauri, che a partire dagli anni ‘80, anno di nascita della Soprintendenza di Salerno, hanno
[continua a leggere]

004 maggio 2020 - Carlo Gesualdo: amore, morte e musica #iorestoacasa #laculturanonsiferma ultime
  Nei secoli la storia personale di Carlo Gesualdo, più che il suo genio musicale, ha eccitato la fantasia popolare e quella di poeti, scrittori e registi, affascinati dalla forza distruttiva e creativa delle passioni che sottendono la torbida vicenda. Da Tasso a Brantome, da Anatole France ad Huxley, l’assassinio della bellissima Maria d’Avalos e del suo amante Fabrizio Carafa, su commissione e alla presenza di Carlo Gesualdo, vicenda che coinvolgeva tre  delle più potenti casate europee, ha fornit
[continua a leggere]

004 maggio 2020 - Dalla provincia di Salerno e Avellino #paesaggioitaliano #artyouready ultime
  La cava dei rocchi posta sul litorale di S.Maria di Castellabate era un'area di estrazione e lavorazione dei rocchi con i quali si realizzavano i fusti delle colonne di arenaria utilizzati nell'architettura dei templi di Paestum.   Salerno Fratte - Kalpìs a figure rosse raffigurante Eracle nell’atto di colpire mortalmente Ippolita, la regina delle Amazzoni. Vaso esposto al Museo Archeologico Provinciale di Salerno     Salerno Fratte - Hydria del Pittore di Kleophrades, rinvenuta nel
[continua a leggere]

001 maggio 2020 - Sarte e cucitrici: il lavoro femminile nell’Avellino di fine Ottocento #laculturanonsiferma #festadeilavoratori ultime
Nell’Avellino di fine ‘800 erano pochi i lavori che le donne potessero esercitare in totale autonomia. Le vicende storiche e  sociali succedutesi nel  corso del XIX secolo e  l’ascesa sociale di borghesi benestanti, un ceto in qualche misura più dinamico rispetto alla società del passato, favorì l’incremento dell’attività sartoriale, come dimostrano gli inserti pubblicitari presenti nei più diffusi giornali a tiratura locale dell’epoca. Molte sarte e m
[continua a leggere]

030 aprile 2020 - #iorestoacasa #laculturanonsiferma Le anfore del relitto di Palinuro ultime
Nell’estate del 2009, nel corso di un’indagine volta a verificare la presenza di eventuali rifiuti tossici nei fondali del Tirreno meridionale, è stato individuato un gruppo di quattro anfore da trasporto a circa 600 metri di profondità, in un tratto costiero poco distante da Capo Palinuro. Le anfore erano parte del carico di un relitto naufragato al largo delle coste cilentane intorno alla fine del V secolo a.C. Fra queste tre appartengono a una tipologia prodotta nella città greca di Mende, famosa fin d
[continua a leggere]

029 aprile 2020 - AVELLINO - L’altare ligneo di S. Maria delle Grazie #iorestoacasa #laculturanonsiferma ultime
  L’altare ligneo della chiesa di S. Maria delle Grazie del complesso dei frati Cappuccini  è tra i manufatti artistici più iconici della città di Avellino, un vero e proprio unicum che caratterizza la chiesa costruita negli anni Ottanta del Cinquecento. La macchina d’altare occupa l’intera parete di fondo dell’abside con funzione di quinta, inquadrata dall’arco di trionfo: un vero e proprio apparato scenografico improntato sulla articolata e complessa commistione di elementi
[continua a leggere]
830 notizie presenti.

Pagine - 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 »»

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE 1
Scuola Medica Salernitana
Facebook
Sito Unesco: Costiera Amalfitana
SERVIZI EDUCATIVI SABAP
ART BONUS
Portale dei corsi
DEMOETNOANTROPOLOGIA



   Home |  Cerca |  Mappa |  Contatti |  Supporto alla navigazione  

Valid HTML 4.01 Transitional     

Sviluppo sito sino al 2014 a cura di
dal 2015 Giancarlo Buzzanca - Area sviluppo applicazioni web/informatiche, sicurezza informatica DG-OR

Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino: Palazzo Ruggi d'Aragona, via Tasso ,46 - Avellino: Carcere Borbonico, Via Dalmazia
http://www.ambientesa.beniculturali.it - Contenuti a cura della Redazione del sito - Copyright 2007-2019 Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio SA - AV - Disclaimer - Area riservata