Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino
 Home   Cerca   Mappa   Contatti   Supporto alla navigazione
Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino  





Luoghi della cultura
 
Tipologia:
Testo da cercare:
 
 

 Minori (SA) - La chiesa di S. Trofimena - via Nazionale, 39 - 84010 Minori (SA)

La fondazione di S. Trofimena si fa risalire al IX secolo d.C., quando il principe longobardo di Benevento, Sicardo, sottrae alla città di Amalfi le spoglie della Santa e le porta a Benevento. Il suo successore restituisce il corpo decenni più tardi, nell’839, facendolo passare dalla città di Salerno. Qui, dopo una notte di preghiera, una processione conduce la salma della patrona di Amalfi alla spiaggia ed essa viene imbarcata e restituita ai legittimi proprietari. Le prime fonti scritte che danno notizia dell’esistenza della chiesa in Salerno risalgono invece al secolo successivo (995), ma la processione dovette passare proprio dalla chiesa salernitana, quindi, già esistente. L’ipotesi è ulteriormente confermata da recenti scavi archeologici condotti nel rione Fornelle, presso la chiesa.

La prima aula religiosa aveva la stessa ampiezza di quella attuale, ma una lunghezza inferiore. La zona presbiteriale ospitava tre absidi e l’ingresso era preceduto da un nartece. La crescita demografica della popolazione del quartiere determinò l’allungamento della navata, che coinvolse anche il portico di accesso, e la sopraelevazione del piano di calpestio interno, finalizzata alla creazione della cripta.
Già nel 1500, però, la cripta era stata chiusa e trasformata in ossario. Gli scavi hanno attestato anche il rovesciamento rispetto alle origini dell’asse della chiesa, avvenuto nel Seicento. Allora, la facciata barocca ha inglobato le due absidi laterali della prima chiesa.
All’interno sono conservati pochi frammenti delle pitture alto-medievali, mentre è ben visibile il pavimento del X secolo d.C., caratterizzato da un vespaio composto da breccia proveniente dalla spiaggia.

La statua lignea della Santa, risalente al Seicento, è oggi nella chiesa della Annunziata, dove fu trasferita quando S. Trofimena perse il titolo di parrocchia (1853).
Una lastra di età romana è stata rinvenuta all’interno della chiesa, poiché riutilizzata a chiusura di un ossario cinquecentesco. Il testo narra la carriera di un membro della Gens Sentia:: Ricula – Sent Cos – Pontif – Soda Divi Titi – Adlec Turma – Sext … II – VI – HS – X – Arbi.

Testo di MP Mirabilia srl


Chiesa di S. Trofimena
via Nazionale, 39
84010 Minori (SA)




« Torna ai luoghi della cultura

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE 1
Museo Virtuale Scuola Medica Salernitana
Facebook
Sito Unesco: Costiera Amalfitana
SERVIZI EDUCATIVI SABAP
ART BONUS
Portale dei corsi
DEMOETNOANTROPOLOGIA



   Home |  Cerca |  Mappa |  Contatti |  Supporto alla navigazione  

Valid HTML 4.01 Transitional     

Sviluppo sito sino al 2014 a cura di
dal 2015 Giancarlo Buzzanca - Area sviluppo applicazioni web/informatiche, sicurezza informatica DG-OR

Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino: Palazzo Ruggi d'Aragona, via Tasso ,46 - Avellino: Carcere Borbonico, Via Dalmazia
http://www.ambientesa.beniculturali.it - Contenuti a cura della Redazione del sito - Copyright 2007-2018 Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio SA - AV - Disclaimer - Area riservata