Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino
 Home   Cerca   Mappa   Contatti   Supporto alla navigazione
Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino  




NOCERA SUPERIORE (SA) #laculturanonsiferma. La tomba 32 di Nocera Superiore (Sa), necropoli in localitÓ Pareti.


tomba 32 oinochoe

oinochoe

 

 

Alla fine del VI sec. a.C. nella valle del Sarno si assiste allo sviluppo di centri urbani, probabilmente in corrispondenza di abitati già caratterizzati da un forte potere di coesione rispetto al territorio circostante. È questo il caso di  Nocera, il cui nome osco, Noukeria, lascia già trasparire i caratteri di città nuova. All’interno della città le élites indigene proclamano la propria autonomia culturale, pur stringendo vincoli di ospitalità con i Greci della costa e gli Etruschi delle città della Campania settentrionale Capua e meridionale Pontecagnano.

Uno straordinario esempio del ruolo svolto da Nocera in questo senso è offerto dalla tomba 32, rinvenuta nel 1964 nel corso di uno scavo d’emergenza condotto dalla Provincia di Salerno in un settore della necropoli meridionale dell’antica Nuceria.

Il corredo, composto prevalentemente da vasi in bucchero, databile al 570-520 a.C., contiene, tra gli altri, due vasi iscritti molto interessanti sotto l’aspetto linguistico-culturale. Su una oinochoe , un contenitore simile a una brocca utilizzato per versare il vino, si legge l’iscrizione graffita con i caratteri dell’alfabeto “nocerino” bruties esum, con cui il vaso in prima persona dichiara di appartenere a un personaggio di nome Bruto.

Una coppa, sempre in bucchero, reca l’iscrizione ariston, un nome di persona scritto con le lettere dell’alfabeto greco, nella sua variante euboica, che potrebbe riferirsi al dedicante o al proprietario del vaso. Si tratta di una delle poche iscrizioni greche di età arcaica proveniente da un centro indigeno della Campania.

L’associazione dei due vasi all’interno della stessa tomba è la conferma emblematica ed evidente del rapporto stretto che esisteva tra le comunità della Valle del Sarno e il mondo culturale di tradizione greca di Pitecusa, l’odierna Ischia, e di Cuma.

 

tomba 32 coppa

coppa




« Torna a tutte le notizie

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE 1
Scuola Medica Salernitana
Facebook
Sito Unesco: Costiera Amalfitana
SERVIZI EDUCATIVI SABAP
ART BONUS
Portale dei corsi
DEMOETNOANTROPOLOGIA



   Home |  Cerca |  Mappa |  Contatti |  Supporto alla navigazione  

Valid HTML 4.01 Transitional     

Sviluppo sito sino al 2014 a cura di
dal 2015 Giancarlo Buzzanca - Area sviluppo applicazioni web/informatiche, sicurezza informatica DG-OR

Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino: Palazzo Ruggi d'Aragona, via Tasso ,46 - Avellino: Carcere Borbonico, Via Dalmazia
http://www.ambientesa.beniculturali.it - Contenuti a cura della Redazione del sito - Copyright 2007-2019 Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio SA - AV - Disclaimer - Area riservata