Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino
 Home   Cerca   Mappa   Contatti   Supporto alla navigazione
Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino  




SALERNO - Il Teatro Verdi. L'interno e le decorazioni #laculturanonsiferma


teatro verdi

 

Il Teatro Verdi ha una pianta mistilinea ovale a ferro di cavallo, raccordata con due braccia parallele. Si compone di 71 palchi distribuiti in quattro ordini, 18 al primo piano, 19 al II e al III e 17 al IV ed una galleria. Il modello di riferimento è, certamente, il teatro  San Carlo di Napoli. Di questo riprende, anche se in termini raccorciati, l'impostazione neoclassica dell'ingresso, composto da un portico rotabile in bugnato interrotto articolato in tre campate, contro le 5 dello stabile partenopeo. Ad ogni arco corrisponde un ingresso con uno scenografico sistema di scale interne che portano alla galleria centrale, ai corridoi laterali ed ai piani superiori. Di prospetto al palcoscenico è il monumentale palco reale, più ampio e riservato alle autorità.

La decorazione, come si accennava, è stata progettata dall'artista salernitano Gaetano D'Agostino. Il sipario del palcoscenico, di enormi dimensioni, è stato realizzato da Giuseppe Sciuti, autore anche di quello del teatro Bellini di Catania e del Massimo di Palermo. Il bozzetto fu opera del maestro Domenico Morelli e raffigura La cacciata dei Saraceni da Salerno, illustrando un episodio eroico della storia cittadina longobarda riportata dal Chronicon salernitano del X secolo, nel quale è raccontata la battaglia fra i Salernitani guidati dal principe Guaiferio contro gli Agareni di Abdilla.

I palchi e i cornicioni sono in legno di abete intagliato con sculture di putti reggistemma tutti indorati, mentre al centro sono dipinte le teste clipeate degli uomini illustri della cultura nazionale.

Il teatro è dotato anche di numerosi vani e salette che fungono da servizi della struttura come i camerini per gli attori, i guardaroba, sale di incontro durante gli intervalli e appartamenti della Deputazione.

Annessi al teatro sono anche gli ampi locali che costituiscono la pregiata Casina dei Nobili, oggi Casino Sociale, decorato anch'esso con pregevoli intagli lignei, specchi e soprattutto teloni in stile pompeiano del pittore Gaetano D'Agostino.

A. Braca, Il Teatro G. Verdi, in Il Centro Storico di Salerno, Betagamma Edizioni, Viterbo 2000, pp. 2-4

Fotografie di Vincenzo D'Antonio.

 


teatro verdi 2

 

 

teatro verdi 3



« Torna a tutte le notizie

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE 1
Scuola Medica Salernitana
Facebook
Sito Unesco: Costiera Amalfitana
SERVIZI EDUCATIVI SABAP
ART BONUS
Portale dei corsi
DEMOETNOANTROPOLOGIA



   Home |  Cerca |  Mappa |  Contatti |  Supporto alla navigazione  

Valid HTML 4.01 Transitional     

Sviluppo sito sino al 2014 a cura di
dal 2015 Giancarlo Buzzanca - Area sviluppo applicazioni web/informatiche, sicurezza informatica DG-OR

Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino: Palazzo Ruggi d'Aragona, via Tasso ,46 - Avellino: Carcere Borbonico, Via Dalmazia
http://www.ambientesa.beniculturali.it - Contenuti a cura della Redazione del sito - Copyright 2007-2019 Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio SA - AV - Disclaimer - Area riservata