Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino
 Home   Cerca   Mappa   Contatti   Supporto alla navigazione
Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino  





Tutte le notizie
007 novembre 2020 - SALERNO - Candidatura all’UNESCO della Scuola Medica Salernitana nella lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell'umanità ultime
    Firmato il protocollo d’intesa tra la Soprintendenza ABAP di Salerno e Avellino, il Comune di Salerno,  l’Università degli Studi di Salerno e la Fondazione della Scuola Medica Salernitana, per la richiesta di candidatura all’UNESCO della Scuola Medica Salernitana nella lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell'umanità.  Hanno siglato il protocollo il sindaco di Salerno (Ente capofila), Vincenzo Napoli, la soprintendente Francesca Casule, il rettore dell
[continua a leggere]

006 novembre 2020 - SALERNO e AVELLINO - Chiusi al pubblico i luoghi della cultura della Soprintendenza fino al 3 dicembre 2020 ultime
  In osservanza alle nuove misure di contrasto e contenimento dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, previste dal Dpcm 3 novembre 2020 del Presidente del Consiglio dei Ministri, la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Salerno e Avellino comunica che da venerdì 6 novembre e fino al 3 dicembre 2020 sono sospese le apertura al pubblico dei musei, delle aree archeologiche e dei complessi monumentali di propria competenza    
[continua a leggere]

005 novembre 2020 - SALERNO - Chiesa san Giorgio #laculturanonsiferma ultime
Fotografia Vincenzo D'Antonio   Una modifica progettuale del complesso, certamente, deve essere intervenuta nella seconda metà del XVI sec. con la riunificazione dei monasteri femminili della città disposta dal papa Sisto V e la convergenza in San Giorgio delle monache dell’Ordine Benedettino. Ovviamente, il loro accresciuto numero richiese un adeguamento anche delle strutture. Per questo motivo il monastero fu sottoposto ad una serie di lavori e le suore furono temporaneamente trasferite in uno dei monasteri l
[continua a leggere]

005 novembre 2020 - SALERNO - Chiesa di San Giorgio: Opere d’arte #laculturanonsiferma ultime
  La realizzazione della gran parte dei dipinti murali interni copre un arco di tempo che ragionevolmente può essere fissato entro il primo lustro degli anni settanta del XVII secolo. Nel 1675 Angelo Solimena firmava il ciclo della Passione nella volta della cantoria con la scritta Angelus Solimenus pingebat 1675. Solo un anno prima , nel 1674, la chiesa era stata inaugurata come si evince dalla scritta in controfacciata ed è probabile che per quella data gran parte della decorazione dovesse già essere ultimata. &n
[continua a leggere]

005 novembre 2020 - SALERNO - Chiesa di San Giorgio: Opere d’arte di Francesco Solimena #laculturanonsiferma ultime
    A distanza di soli cinque anni da Angelo Solimena interviene anche il figlio Francesco, il quale realizza tre celebri pannelli murali raffiguranti Le sante condotte al martirio, La visione di suor Agneta, Le sante in meditazione, frammentario e lacunoso, che costituiscono le migliori opere barocche presenti a Salerno. Le notizie su questi dipinti ci sono fornite da Bernardo De Deminici, il quale afferma che furono realizzati dal pittore all’età di 23 anni. Considerato che Francesco nacque a Canale di Serino nel 16
[continua a leggere]

005 novembre 2020 - AVELLINO - La Fontana di Grimoaldo #laculturanonsiferma ultime
    Lo sviluppo urbanistico dell’Avellino normanna si contraddistinse in due fasi: nella prima l’agglomerato cominciò ad estendersi ordinatamente nella cerchia delle mura, visto che per ovvie ragioni di difesa e di controllo dei cittadini era vietato costruire al di fuori della cinta. Nel tempo, però, si cominciò a costruire anche lungo le strade di maggior traffico, spesso con andamento lineare, a volte in agglomerati più compatti. Nacquero così i borghi costruiti al di fuori delle l
[continua a leggere]

003 novembre 2020 - AVELLINO - "Irpinia 1980. Evocare il terremoto, ripensare i disastri" ultime
  Una pubblicazione e una mostra fotografica a quarant’anni dal sisma di Campania e Basilicata. Un libro, una mostra, un convegno: le iniziative dell'Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale MiBACT in sinergia con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Salerno e Avellino per il Quarantennale del terremoto in Irpinia. Il secondo volume di Visioni d'archivio interamente dedicato al terremoto Irpino è a cura di Irene Falconieri, Fabio Fichera, Simone Valitut
[continua a leggere]

002 novembre 2020 - SALERNO - Monastero e chiesa san Giorgio (prima parte) #laculturanonsiferma ultime
  Il monastero di San Giorgio, oggi trasformato in caserme della Guardia di Finanza nel lato nord e dell’Arma dei Carabinieri a sud, costituisce uno dei più antichi insediamenti monastici di Salerno. La sua origine è contemporanea all’insediamento longobardo. La prima menzione, infatti, si trova in un diploma dell’ 819, successivo di soli trenta anni al complesso palatino di San Pietro a Corte, fondato da Arechi II nel 787, che sorge proprio di fronte e a breve distanza. Nel documento esso viene indicato
[continua a leggere]

002 novembre 2020 - SALERNO - Monastero e chiesa san Giorgio (parte seconda) #laculturanonsiferma ultime
                                                                               Abside - sec. XI - Affreschi   Il monastero di San Giorgio è organizzato intorno alla centralità della chiesa, con due grosse aree ai lati, una a nord ed un’altra a sud. Questa configurazione lascerebbe intuire un nucleo originario medievale
[continua a leggere]

002 novembre 2020 - SALERNO - Monastero e chiesa san Giorgio: il portale rinascimentale #laculturanonsiferma ultime
  Il bel portale rinascimentale fu commissionato dalla badessa Lucrezia Santomagno, le cui iniziali insieme alla data 1560 sono incise sui blocchi laterali, ma esso non doveva essere ancora in funzione dell’ingresso della chiesa come si vede oggi. La sua collocazione originaria è collegata a diversi rimaneggiamenti che si verificano proprio nello spazio antistante la chiesa (da chiesa a parlatorio). Così nella Sacra Visita cinquecentesca si dispone che si fabbrichi la porta della chiesa piccola dove hogi si cele
[continua a leggere]
878 notizie presenti.

Pagine - 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 »»

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE 1
Scuola Medica Salernitana
Facebook
Sito Unesco: Costiera Amalfitana
SERVIZI EDUCATIVI SABAP
ART BONUS
Portale dei corsi
DEMOETNOANTROPOLOGIA



   Home |  Cerca |  Mappa |  Contatti |  Supporto alla navigazione  

Valid HTML 4.01 Transitional     

Sviluppo sito sino al 2014 a cura di
dal 2015 Giancarlo Buzzanca - Area sviluppo applicazioni web/informatiche, sicurezza informatica DG-OR

Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino: Palazzo Ruggi d'Aragona, via Tasso ,46 - Avellino: Carcere Borbonico, Via Dalmazia
http://www.ambientesa.beniculturali.it - Contenuti a cura della Redazione del sito - Copyright 2007-2019 Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio SA - AV - Disclaimer - Area riservata